Anaxum

LE NOSTRE ORIGINI

2 Ottobre 2018

Torna

I semi che vengono estrapolati dalla zucca sono verdi, da qui la scelta di chiamarci Azienda Agricola Semiverdi, posizionata territorialmente accanto al fiume Stella, anticamente chiamato Anaxum. 

Quest’ultimo nasce nei pressi della località Flambro e sfocia nella laguna di Marano dopo 45 km di corso; i due principali affluenti del fiume sono il Taglio e il Torsa ed il suo bacino idrografico è di 365 km quadrati.

Un po di storia non guasta mai…

Le località attraversate da questo magico fiume  sono: Flambro, Sterpo, Flambruzzo, Ariis, Chiarmacis, Rivarotta, Pocenia, Palazzolo dello stella, Precenicco, Piancada e Marano.

Noto in epoca Romana, costituiva un’importante arteria di comunicazione per il commercio vasellame e laterizi, consentendo il rapido trasporto endolagunare verso il porto di Aquileia e l’intero Adriatico.

 Il corso d’acqua è caratterizzato da una serie di coincidenze che lo rendono particolarmente interessante dal punto di vista ambientale: temperatura dell’acqua praticamente costante, preziosa vegetazione che accompagna il tragitto fino alla laguna maranese, ricchissima e variegata fauna.

È proprio qui che avviene quel fenomeno straordinario chiamato RISORGIVE in Veneto ed in Friuli,  FONTANILI in Lombardia e SORTUMI in Piemonte: la fuoriuscita spontanea di acque sotterranee che dà vita a molteplici rivoli, canali, fossi che via via si uniscono originando veri e propri fiumi…ed è proprio così cha ha origine il fiume Stella.

Le zone paludose ricche di acquitrini sono di straordinaria bellezza, talvolta nemmeno raggiungibili.

 La flora e la fauna che le abitano suscitano emozioni a chi ha la fortuna di immergersi in questi ambienti talvolta impervi, dando l’impressione di esplorare aree vergini.

A STERPO (fraz del comune di  Bertiolo) lo Stella inizia ad essere navigabile con piccole imbarcazioni, canoe o barca a “sbordon” accanto ad una natura incontaminata.

A Flambruzzo il piccolo fosso ha assunto già le sembianze di un corso di medie dimensioni.

Non appena si passa sotto il ponte della strada che unisce Flambro a Rivignano si può notare un meraviglioso giardino ricco di corsi d’acqua alimentati dallo stesso stella, il parco della VILLA BADOGLIO. Nella frazione di Ariis il fiume lambisce il parco e il giardino all’italiana della meravigliosa VILLA OTELLIO.

Parco regionale delle risorgive…. 40 ettari visitabili solo a piedi, una terra ricchissima dove ci si può perdere, tra acque e mulini, passando dal MULINO DI BRAIDA a TALMASSONS, in località Flambro, datato 1811.

Si ammira solo dall’esterno, ma ne vale la pena perché tutt’intorno c’è il prezioso biotipo delle RISORGIVE DI FLAMBRO, 73 ettari di torbiere, prati umidi, boschi di ontani.

Poi tocca al MULINO DI ZORATTO, a Codroipo, dove le ANTICHE MACINE A PIETRA trasformano grano duro, tenero e farro, tutti di produzione biologica, in farina.

Il mulino ospita, unico caso in Italia, un maglio in lega creato apposta per battere e ammorbidire, il PREGIATO STOCCAFISSO DELLE ISOLE LOFOTEN, un arcipelago norvegese (via Molini 70, tel 0432.90.61.43)

Momento storico ad enorme impatto storico e letterario è la vera storia di GIULIETTA E ROMEO :nasce in Friuli, precisamente alla Villa Savorgnan Otellio di Ariis di Rivignano, importante residenza e fortezza della famiglia Savorgnan dove Lucina (soprannominata Giulietta) soggiornò assieme alla famiglia e dove può esservi anche nata. Amore tra Giulietta e Romeo nato quindi al principato di Ariis, ma poi “spostato” a Verona per risultare anonimo.

La novella fu riscritta da letterati italiani, francesi, inglesi….finchè alla fine del 1500 giunse nelle mani di William Shakespeare che ne ricavò un dramma teatrale di valore e risonanza mondiale. 

Negli anni Sessanta nasce la troticoltura, eccellenza che ha preso piede in maniera spontanea nella località di Sterpo: mangiare “trota Friulana“ significa avere garanzie speciali di Qualità, per le caratteristiche uniche delle acque di risorgiva, per le dimensioni idonee degli allevamenti e per i rigorosi controlli che vengono effettuati nel pieno rispetto degli alti parametri di sicurezza imposti dall’Italia.

Un metodo di lavoro che esprime serietà e passioni tipicamente “friulane”. Con circa un terzo della produzione italiana, il Friuli Venezia Giulia  è la prima produttrice di trote con caratteristiche inconfondibili  e proprietà organolettiche che lo rendono perfetto per un’alimentazione sana, equilibrata e nutriente.

Un  fiume di antichi reperti (azzolin), ricchezza centenaria per tutte le terre che hanno l’onore di vivergli accanto, sensazioni sensoriali quando lo si guarda e si possono percepire le sue vibrazioni del suo scrosciare,… queste sono le stesse caratteristiche che volevamo far percepire ai nostri consumatori quando lo provano la prima volta (antichità, ricchezza, vibrazione).